vai alla home introduttiva di Pillole.org
 
  Pillole 
   
 
Iscritti
Utenti: 2312
Ultimo iscritto: Jones
Iscritti | ISCRIVITI
 
Funzione polmonare e mortalità nella popolazione generale
Inserito il 30 settembre 2000 da admin. - pneumologia - segnala a: facebook  Stampa la Pillola  Stampa la Pillola in pdf  Informa un amico  



Numerosi studi hanno descritto una relazione tra funzionalità polmonare e mortalità sia per tutte le cause che per cause specifiche. Lo scopo di questo studio era di indagare il valore predittivo della funzionalità polmonare dopo 29 anni di follow-up.
Hanno partecipato allo studio 554 uomini e 641 donne, di età dai 20 agli 89 anni, selezionati in modo casuale tra tutte le famiglie elencate della città di Buffalo, NY (tutti inseriti nello studio prospettico con 29 anni di follow-up denominato Buffalo Health Study cohort).
Le misurazioni di base furono eseguite tra il 1960 e il 1961. La funzionalità polmonare fu valutata mediante la determinazione del FEV1 espresso in percentuale.
Risultati. Il FEV1 % ,aggiustato per età, indice di massa corporea, pressione arteriosa sistolica, scolarità e fumo, è risultato inversamente correlato alla mortalità per tutte le cause sia negli uomini che nelle donne (p < 0.01). E’ stata anche effettuata un’analisi sequenziale di sopravvivenza nei partecipanti che avevano un tempo di sopravvivenza di almeno 5, 10, 15, 20 e 25 anni dopo l’arruolamento nello studio. Con l’eccezione degli uomini che erano sopravvissuti per più di 25 anni, è stata riscontrata un’associazione negativa, statisticamente significativa, tra FEV1 % e mortalità per tutte le cause. Il FEV1 % era anche inversamente correlato alla mortalità per cardiopatia ischemica. Dividendo i partecipanti per quintili di FEV1 %, i partecipanti posti nel quintile più basso avevano una mortalità per tutte le cause significativamente più alta in confronto ai partecipanti nel quintile più alto. Per l’intero periodo di follow-up, gli indici di rischio di mortalità per tutte le cause sono stati 2.24 (IC 95% = 1.6 – 3.13) per gli uomini e 1.81 (IC 95% = 1.24 – 2.63) per le donne. Gli indici di rischio per mortalità da cardiopatia ischemica nel più basso quintile di FEV1 % sono stati, rispettivamente, per gli uomini 2.11 (IC 95% = 1.20 – 3.71) e per le donne 1.96 (IC 95% = 0.99 – 3.88).
Conclusioni. Questi risultati suggeriscono che la funzionalità polmonare è un fattore predittivo a lungo termine di sopravvivenza in entrambi i sessi e potrebbe essere utilizzata come strumento di valutazione generale della salute.
Chest, settembre 2000

Letto : 1747 | Torna indietro | Stampa la Pillola | Stampa la Pillola in pdf | Converti in XML
 
© Pillole.org 2004-2024 | Disclaimer | Reg. T. Roma n. 2/06 del 25/01/06 | Dir. resp. D. Zamperini
A  A  A  | Contatti | Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7 | Versione stampabile Versione stampabile | Informa un amico | prendi i feed e podcasting di Pillole.org
ore 04:00 | 95384832 accessi| utenti in linea: 3708