vai alla home introduttiva di Pillole.org
 
  Pillole 
   
 
Iscritti
Utenti: 2314
Ultimo iscritto: ValeM
Iscritti | ISCRIVITI
 
Alendronato: utile anche nei maschi
Inserito il 26 gennaio 2001 da admin. - reumatologia - segnala a: facebook  Stampa la Pillola  Stampa la Pillola in pdf  Informa un amico  



Com’e’ ben noto la maggioranza degli studi controllati sull’osteoporosi e’ stata effettuata finora in soggetti di sesso femminile in eta’ postmenopausale Su tali trials si basano soprattutto le linee di indirizzo terapeutico e le limitazioni terapeutiche del Ministero della Sanita’.Ma l' osteoporosi puo’ colpire i soggetti di sesso maschile dopo i 55-60 anni a causa di una ridotta produzione di androgeni che, similmente agli estrogeni, esplicano azione di protezione del tessuto osseo. Il 25-30% di tutte le fratture dell’anca si verificano tra uomini oltre i 55 anni; e’ stato dimostrato che anche gli uomini, seppure in misura minore rispetto alle donne, mostrano non di rado anche segni evidenti di fratture vertebrali. Esiste poi una frangia di soggetti maschili affetti da osteoporosi di tipo iatrogena soprattutto in rapporto alla somministrazione di glicocorticoidi. Recentemente e’ stato condotto un trial in doppio ceco per due anni su 241 uomini affetti da osteoporosi di eta’ compresa da 31 agli 87 anni. I soggetti sono stati divisi in due gruppi trattati con alendronato o con placebo. I soggetti sono stati sottoposti ad esami di controllo densitometrici sulle vertebre, al collo del femore e all’anca. I risultati hanno dimostrato che, nei soggetti trattati con alendronato, un aumento di massa ossea del 7,1% rispetto all’1,8% di quelli trattati con placebo a livello vertebrale mentre, a livello dell’anca, l’aumento e’ stato del 2,5 rispetto allo 0,1%. Ambedue i gruppi erano stati trattati anche con supplementi di calcio e di vitamina D come e’ consigliato nella terapia farmacologica dell’osteoporosi. Non e’ stata rilevata differenza significativa per l’ eta’, per il fumo di sigaretta e per i livelli di testosterone. Miglioravano anche i valori dei markers biochimici dell’ osteoporosi e diminuiva significativamente l' incidenza delle fratture femorali e vertebrali.
D. Zamperini. Fonte: N.E.J.M. 2000; 343:604-10


Letto : 1834 | Torna indietro | Stampa la Pillola | Stampa la Pillola in pdf | Converti in XML
 
Pillole.org 2004-2024 | Disclaimer | Reg. T. Roma n. 2/06 del 25/01/06 | Dir. resp. D. Zamperini
A  A  A  | Contatti | Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7 | Versione stampabile Versione stampabile | Informa un amico | prendi i feed e podcasting di Pillole.org
ore 22:00 | 97564485 accessi| utenti in linea: 681