vai alla home introduttiva di Pillole.org
 
  Pillole 
   
 
Iscritti
Utenti: 2315
Ultimo iscritto: longhi
Iscritti | ISCRIVITI
 
La vertigine della signora Amalia
Inserito il 21 dicembre 2022 da admin. - scienze_varie - segnala a: facebook  Stampa la Pillola  Stampa la Pillola in pdf  Informa un amico  

Quando visitiamo un paziente con vertigine quanto siamo sicuri della diagnosi?

Amalia è una vecchia signora di 74 anni affetta da ipertensione arteriosa trattata con un tiazidico e un calcioantagonista. Soffre inoltre di artrosi diffusa. Una mattina chiama il medico curante e richiede una visita domiciliare: dal giorno prima lamenta la comparsa di vertigini abbastanza intense che le impediscono di alzarsi dal letto, accompagnate da senso di nausea senza vomito.
Il medico curante visita la paziente e riscontra valori di pressione modestamente elevati (170/95 mmHg) e una vertigine che si accentua se la paziente si alza ma che è presente, anche se più attenuata, anche in posizione supina.
Per il resto l’esame obiettivo è negativo.
“Probabilmente il sintomo dipende dalla pressione un po’ alta” spiega il medico “inoltre lei soffre da anni di artrosi cervicale e anche quella può provocare vertigine. Comunque le prescrivo un farmaco e aumentiamo anche la dose degli antipertensivi”.
Come si vede si tratta di un caso molto frequente e per questo considerato forse banale. Ma quanto possiamo essere sicuri della diagnosi? Siamo certi che la sintomatologia lamentata dalla signora Amalia dipenda dalla pressione arteriosa non perfettamente controllata e/o dall’artrosi cervicale (diagnosi questa su cui si potrebbe molto discutere visto che sulla vertigine cervicogenica non vi è accordo in letteratura).
Certo potrebbe trattarsi di una sindrome vertiginosa benigna ad evoluzione auto-risolutiva ma non possiamo a priori escludere una causa più grave come per esempio un ictus ischemico in fase iniziale oppure un processo espansivo cerebrale.
In questo, come in molti altri casi, il medico è ”costretto” a porre una diagnosi su base probabilistica e solo il decorso successivo dirà se la vertigine era in realtà dovuta un qualcosa di serio anche se meno probabile.
Gioverò ricordare il detto di William Osler: “La medicina è la scienza dell’incertezza e l’arte della probabilità”.


Renato Rossi


Per approfondire:

Rossi RL. Zona d’ombra. Dubbi e incertezze tra pazienti e medicina dell’evidenza. Roma: Il Pensiero Scientifico Editore. 2022.
http://pensiero.it/catalogo/libri/pubblico/zona-d-ombra

Collecchia G, De Gobbi R, Fassina R, Ressa G, Rossi RL. La diagnosi ritrovata. Le basi del ragionamento clinico.
http://pensiero.it/catalogo/libri/professionisti/la-diagnosi-ritrovata






Letto : 74973 | Torna indietro | Stampa la Pillola | Stampa la Pillola in pdf | Converti in XML
 
© Pillole.org 2004-2024 | Disclaimer | Reg. T. Roma n. 2/06 del 25/01/06 | Dir. resp. D. Zamperini
A  A  A  | Contatti | Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7 | Versione stampabile Versione stampabile | Informa un amico | prendi i feed e podcasting di Pillole.org
ore 21:22 | 99820461 accessi| utenti in linea: 64300