vai alla home introduttiva di Pillole.org
 
  Pillole 
   
 
Iscritti
Utenti: 2314
Ultimo iscritto: ValeM
Iscritti | ISCRIVITI
 
Una cura per la mucca pazza?
Inserito il 30 aprile 2000 da admin. - scienze_varie - segnala a: facebook  Stampa la Pillola  Stampa la Pillola in pdf  Informa un amico  

Sperimentato con successo sui topi un composto chimico che rallenta lo sviluppo dell'encefalopatia.


I tetrapirroli ciclici, composti chimici finora utilizzati nella cura dei tumori, sono efficaci anche nel ritardare lo sviluppo nei topi dell'encefalopatia spongiforme, malattia molto simile alla sindrome della mucca pazza, diffusasi negli anni passati tra il bestiame inglese. È quanto affermano in un articolo apparso sulla rivista Science i ricercatori del National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID) statunitense, sulla base dei risultati di una ricerca effettuata nello stesso istituto.
L'encefalopatia spongiforme è un gruppo di malattie degenerative dell'encefalo, a incubazione molto lunga, causate probabilmente da prioni, agenti infettanti costituiti da proteine con una struttura alterata che non permette loro una corretta funzionalità e che ne provoca l'aggregazione nel sistema nervoso centrale. I tetrapirroli ciclici, secondo i ricercatori, impedirebbero questa aggregazione tossica, tipica di tutte le forme del morbo, sia di quelle animali, sia di quelle che colpiscono l'uomo. Precedenti studi effettuati in vitro avevano dimostrato l'efficacia del composto nell'inibire la trasformazione delle normali proteine del prione nella forma alterata che causa la malattia - ha spiegato Suzette Priola, del NIAID - perciò abbiamo avviato la sperimentazione in vivo su topi nei quali era stata indotta la scrapie, una forma di encefalopatia che colpisce gli ovini. Somministrati nella fase precoce della malattia, i composti hanno allungato la sopravvivenza degli animali anche del trecento per cento.
Il farmaco, tuttavia, non ha dimostrato la stessa efficacia in una somministrazione più tardiva: tale circostanza potrebbe costituire una difficoltà nella futura sperimentazione umana.
La diagnosi della malattia di Kreutzfeld-Jacob, la forma di encefalopatia che colpisce l'uomo, può essere fatta solo dopo l'insorgenza dei primi sintomi - ha continuato Suzette Priola - L'estrema varietà dei composti ancora da testare fanno comunque ben sperare di arrivare in futuro a una terapia efficace.
Le Scienze www.lescienze.it

Letto : 1602 | Torna indietro | Stampa la Pillola | Stampa la Pillola in pdf | Converti in XML
 
© Pillole.org 2004-2024 | Disclaimer | Reg. T. Roma n. 2/06 del 25/01/06 | Dir. resp. D. Zamperini
A  A  A  | Contatti | Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7 | Versione stampabile Versione stampabile | Informa un amico | prendi i feed e podcasting di Pillole.org
ore 07:32 | 98890571 accessi| utenti in linea: 56744